PRIMA PAGINA GOOGLE

A proposito di prima pagina google, recentemente i maggiori esperti Seo del mondo con Fishkin di Seomoz.org hanno provato insieme ad afferrare la formula complessa dell’Algoritmo di Google e hanno cercato di stilare le principali caratteristiche che una pagina web deve avere per riuscire a scalare la classifica Google.

Hanno cercato di stilare una specie di Graduale Santo dell’ottimizzazione che è opportuno rispettare.

Google infatti sta classificando i siti internet secondo la presenza o meno di certi elementi. Ed essere in prima pagina Google può essere privilegio di ognuno. Con lo studio di cui abbiamo accennato nell’introduzione non si è fatto che studiare in modo più approfondito gli elementi portanti per Google.

Ogni webmaster esperto sa che Google è il fornitore principale di traffico attraverso il motore di ricerca sul web. La prima pagina Google per le parole chiavi più importanti daranno luogo a molto traffico di qualità. Il cosiddetto traffico organico. (chi cerca trova.. e trova proprio te!)

Qui sotto troverai l’elenco dei punti principali sulla quale Google fa riferimento. Il tuo piano di web marketing dovrebbe essere ottimizzato per i motori di ricerca perchè solo così si può raggiungere la prima pagina Google. E solo raggiungendo la prima pagina Google puoi pensare di vendere seriamente attraverso il web.

Noi webmaster famigliarizziamo con tutti questi elementi e utilizziamo anche tecniche avanzate di search engine optimization per incrementare in modo naturale il posizionamento di un sito web.

Ecco alcuni dei fattori di classificazione principali da considerare e del quale abbiamo accennato sopra:

1. Parola chiave nel titolo e nella pagina

Inserisci la tua parola chiave nel titolo della pagina e nella pagina stessa.

2. Parola chiave nel tuo URL

E’ ideale inserire la parola chiave nell’URL della pagina che si vuole portare sulla vetta della classifica Google.

3. Contenuti di alta qualità e molto attinenti

E’ opportuno che i contenuti siano freschi e di qualità, nonché molto attinenti alle parole chiave obiettivo.

4. Concatenamento interno Onsite

Collega bene i contenuti all’interno del tuo sito. E’ preferibile non più di tre link per pagina ma ci possono essere molte varianti.

Questo elemento, che sembra scontato, può invece rivelarsi molto utile per avanzare verso la prima pagina Google.

5. Crea collegamenti con siti di qualità

Creare collegamenti con siti di qualità significa dare importanza al proprio sito internet.

Questo vale sia per i collegamenti in uscita ed in entrata.

Google riterrà il tuo sito importante se vi sono siti importanti che parlano di te.

L’importanza deve essere tale per i motori di ricerca, quindi questi siti devono avere caratteristche specifiche.

Se Google vedrà dei collegamenti idonei porrà più fiducia sul tuo sito web e quindi questo avanzerà nei risultati del motore di ricerca fino ad arrivare alla prima pagina Google.

6. Popolarità di concatenamento globale

Google tiene conto anche della tua popolarità complessiva. Se infatti il tuo sito è nominato molto per i motori di ricerca non può significare altro che il tuo sito web è utile.

7. Il testo di ancoraggio è molto importante

Il testo è un importante fattore che non va dimenticato. Forse ancora più importante dei collegamenti.

Non parliamo del solo testo degli articoli ma anche del testo ancorato ai collegamenti.

Fai attenzione a non insistere troppo sulle stesse parole ed ad utilizzare invece parole molto correlate alla parola chiave principale.

8. Numero e qualità dei collegamenti.

Come già accennato i collegamenti al tuo sito sono molto importanti.

E’ importante però che questi aumentino sempre in modo da dare continuità alla popolarità del sito.

Scalare la classifica fino alla prima pagina Google non si può fare in pochi giorni!

9. Un servizio hosting con server affidabile

Google non ha richieste particolari se non che il tuo sito sia online 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Questo è un elemento di credibilità. Per questo affidarsi a servizi che costano un euro all’anno può procurarti problemi anche nella SERP.

Google infatti penalizza i siti che non sono raggiungibili per più di 48 ore.

Se ti affidi ad un servizio serio, anche economico ma serio, non incorrerai mai in questo tipo di problemi.

10. Evitare contenuti duplicati

Lo abbiamo imparato a scuola. E magari a scuola qualche strappo si poteva fare.

Qui no! Google registra tutto quello che è immesso nel web.

Vuoi raggiungere la prima pagina Google? Non copiare.

Questi sono alcuni dei fattori di classificazione più comuni ed importanti che Google utilizza per classificare e mostrare i risultati nel motore di ricerca.

Ottimizzare il tuo sito considerando questi fattori può dimostrarsi molto remunerativo.

Questo è un’estratto, tradotto in lingua italiana, di un’articolo del 2007 di Titus Hoskins. Sebbene siano passati più di 7 anni si può dire che rimane ancora oggi molto attuale ai fini del raggiungimento della prima pagina Google.

A presto,

SeoExpert

Diritto d’autore (c) 2007 Titus Hoskins